Ad ognuno il suo Erdogan

Mi è capitato tra le mani un manuale di diritto costituzionale e, leggi che ti leggi, sono giunta a queste conclusioni:

1. Se la legge elettorale (Italicum) passasse indenne al vaglio della Corte Costituzionale (e se mai ci chiedessero di andare a votare per le politiche) ci ritroveremmo un parlamento che potrebbe venire eletto con una manciata di voti.
L’Italicum assegna infatti un premio di maggioranza sproporzionato (il 54% dei seggi) al partito più votato. Se nessuno ottiene almeno il 40% dei voti al primo turno, la Camera viene consegnata al partito che vince il ballottaggio, anche se era stato scelto da una esigua minoranza di elettori (per es. il 20%).
Tale sistema elettorale privilegia la governabilità a dispetto della rappresentatività dell’elettorato.

2. Grazie all’intervento della riforma costituzionale questa falsa maggioranza potrà poi prendere – da sola o quasi – decisioni fondamentali per tutti: votare la fiducia al Governo (compito affidato ai soli deputati e non più ai senatori); dichiarare lo stato di guerra, concedere amnistie, indulti e persino eleggere organi di garanzia come il Consiglio Superiore della Magistratura e il Presidente della Repubblica.
Il primo ministro ottiene così una governabilità indiscussa per i 5 anni della legislatura, senza controlli da parte degli altri organi costituzionali.

3. Infine con la riforma costituzionale si avrà solo più la camera dei deputati eletta (con un sistema iper-maggioritario), mentre i membri del senato non vengono più eletti direttamente.
Anche in questo caso si tratta dell’eliminazione di un contro-potere interno. Il risultato è la lesione del principio di rappresentanza che invece consentirebbe anche alle minoranze e alle opposizioni parlamentari di poter svolgere funzione di controllo dell’esecutivo.

Risultato: far tacere per sempre di più le minoranze. Solo che da noi non hanno ancora sospeso la Convenzione Europea per i diritti dell’uomo.§
Il fine millantato è sempre la democrazia… il risultato un po’ meno.

Vi consiglio questo sito per approfondire l’argomento:

http://www.referendumcostituzionale.online

Pastinaca