Ente di beneficenza Di Vaira: speranza e fiducia

Ente di beneficenza Di Vaira: speranza e fiducia
Banner del bando from Un Paese per Giovani

Sono felice di segnalare la presentazione, nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta qualche giorno fa nei locali del Centro Pastorale Ecclesia Mater della Curia Vescovile di Termoli, del Regolamento di ammissione alla selezione per il conferimento di 8 borse di studio finanziate dalla “Fondazione Ente di Beneficenza Cavaliere del Lavoro Francesco di Vaira.

Sono intervenuti S.E. Mons. Gianfranco De Luca, Vescovo della Diocesi di Termoli-Larino e Presidente dell’Ente di Beneficenza Di Vaira ed il Dr. Domenico Barba, Consigliere di amministrazione dello stesso, in rappresentanza degli eredi della famiglia del Cav. Di Vaira, che verso la fine degli anni ’50 del secolo scorso donò alla Diocesi di Termoli-Larino un’azienda agricola di oltre 500 ettari allo scopo di favorire la formazione scolastica ed umana dei giovani meritevoli e bisognosi dell’epoca in campo agricolo.

Erano presenti anche Pasquale Santella, Presidente di Un Paese per Giovani, associazione cui la Diocesi e la Fondazione hanno affidato la gestione e l’organizzazione del bando in tutti i suoi aspetti operativi ed Angelo Spadanuda, responsabile di tutta la procedura per il conferimento delle borse di studio. 

Nel corso della conferenza stampa sono stati ribaditi, da parte del Vescovo e del rappresentante della famiglia Di Vaira, gli scopi ideali e fondativi dell’Ente di beneficenza. Il conferimento delle borse di studio, è stato detto, “è il modo attuale per rendere concreto il ruolo di sostegno alla formazione di giovani che vogliono specializzarsi nell’ambito agricolo ed è la modalità per continuare la propria missione di partecipazione allo sviluppo di questo territorio”. 

Infatti, il regolamento prevede che le 8 borse di studio siano destinate a studenti residenti in Molise, iscritti a corsi di laurea nei settori agro-alimentare, zootecnico e veterinario. L’importo della borsa di studio per l’A.A. 2021-2022 è pari a 3.200,00 €. 

Sul bando, che si può rinvenire sul sito dell’associazione Un Paese per Giovani, sono descritti tutti i requisiti di base per partecipare alla selezione e sono indicati anche quelli preferenziali che daranno un punteggio maggiore: la provenienza territoriale, la situazione economica del candidato, il curriculum scolastico, lo status familiare, la condizione fisica e la motivazione; saranno premiati, in particolare, gli studenti più meritevoli e bisognosi.  

È possibile far pervenire le domande fino al 15 marzo 2022 all’indirizzo di posta elettronica [email protected].

Sicuramente un’iniziativa che rappresenta un nuovo inizio per l’Ente Di Vaira che, dopo diverse vicissitudini, riesce a riannodare il filo con le sue origini e dare di nuovo un forte segnale di speranza e di fiducia. Di speranza, per il sostegno dato ai giovani nel loro percorso formativo, e di fiducia nello sviluppo di un settore strategico per l’economia del nostro territorio come quello agricolo.

 

Pesce (ner)Azzurro