Crea sito

IL COR HA UN SOL DESIR

E’ ormai da una settimana che, tutte le sere alle 21, con un po’ di cari amici ci vediamo in video call per pregare insieme e chiedere la protezione, la guarigione degli ammalati e la fine di questa epidemia.
La prima sera abbiamo introdotto la preghiera ai nostri bimbi (che avvertono quanto noi la precarietà della situazione) dicendogli: bisogna che domandiamo ai nostri guerrieri del cielo e, se lo facciamo insieme, la domanda è più grande e più forte.
Infatti terminiamo sempre affidandoci al guerriero per eccellenza, san Michele Arcangelo.
Mi colpisce come questo gesto, nato più per i nostri bimbi che “vogliono rivedere presto gli amici”, sia diventato quello che io attendo maggiormente in queste giornate così caotiche.
A proposito di grandi domande e di qualcuno a cui poterle porre (anche piangendo!), stamattina mi è venuta in mente questa bellissima aria di Verdi tratta dall’opera don Carlo, intitolata “Tu che le vanità”.
Il dramma umano lì è un altro (che se volete, poi approfondite!), ma che “il core ha un sol desir: la pace dell’avel” (intesa come felicità eterna), direi che riguarda tutti.
“se ancor si piange in cielo, piangi sul mio dolor, e il tuo col pianto mio reca appié del signor”
Ve la propongo, cantata dalla splendida Maria Callas.

Scena ed Aria:
(Elisabetta entra lentamente assorta nei suoi pensieri, s’avvicina alla tomba di Carlo V e s’inginocchia)
“Tu che le vanità conoscesti del mondo
e godi nell’avel il riposo profondo,
se ancor si piange in cielo, piangi sul mio dolor,
e porta il pianto mio al trono del signor.
Carlo qui dée venir! che parta e scordi omai…
A Posa di vegliar sui giorni suoi giurai.
Ei segua il suo destin, la gloria il traccerà.
Per me, la mia giornata a sera è giunta già!
O Francia, nobil suol, sì caro ai miei verd’anni!
Fontainebleau! ver voi schiude il pensiero i vanni.
Giuro eterno d’amor là dio da me ascoltò,
e quest’eternità un giorno sol durò.
Tra voi, vaghi giardin di questa terra ibéra,
se Carlo ancor dovrà fermare i passi a sera,
che le zolle, i ruscel’, i fonti, i boschi, i fior,
con le loro armonie cantino il nostro amor.
Addio, bei sogni d’ôr, illusïon perduta!
Il nodo si spezzò, la luce è fatta muta!
Addio, verd’anni, ancor! cedendo al duol crudel,
il core ha un sol desir: la pace dell’avel!
Tu che le vanità conoscesti del mondo
e godi nell’avel d’un riposo profondo,
se ancor si piange in cielo, piangi sul mio dolor,
e il tuo col pianto mio reca appié del signor.”

Buon ascolto!!

Razza