Crea sito

A proposito del convegno a Milano

Carissimi pescetti!
Ne approfitto per raccontavi del convegno “difendere la famiglia…etc…”.
Molto è già stato scritto quindi non vi tedio. Ma vi racconto il fuori.
Infatti io non sono riuscita a entrare: le sale piene, la folla fuori. Allora, con alcune amiche abbiamo deciso di andare a dare un’occhiata al comizio contro il convegno a varie firme: pd, lbtg (non so se è giusto ma ci siamo capiti), sentinell etc….
E chi mi trovo sul palco? Un assessore del comune di Milano.
Si diceva sconcertato per un convegno su questo scabroso tema (la famiglia) e ringraziava per la presenza delle persone al comizio che scongiurano un ritorno del Medioevo a Milano.
Avrei qualcosa da dire su questo perché alcune pratiche neanche medievali ma pre romaniche le stiamo già adottando: rupe tarpea ad esempio.
Alla mia destra 4 belle ragazze con scritto: sono orgogliosa di essere lesbica.
Dietro: non c’è limite all’amore. Qualche canna e via.
Il personaggio più interessante è stata una persona transessuale (una volta ho detto trans e mi han detto che non si dice) che mi ha chiesto di comprare dei libri che aveva li. Le/gli ho detto che non ero interessata: ma li ho scritti io! Mi risponde. Ed io: scusa ma tu chi sei? E lei/lui: e già c’hai ragione! Io chi sono?
Ecco propongo all’assessore questo tema per un prossimo convegno: ma io chi sono?
Perché questo trans era più onesto/a di quelli fuori a protestare (senza sapere per cosa protestavano)  e di te assessore che ora cavalchi questa onda perché ti fa comodo; ma lascia che ti dica che dei milanesi non sai nulla, tu che ci chiami sempre e solo “cittadini”. Come dire “sudditi”. E preferisci dividerci in categorie: fai gli sportelli per i trans, il registro per le ultime volontà, la casa dei diritti, la casa delle culture migranti, e chi più ne ha più ne metta. Ma non ti rilassi mai!?
Forse chiederci “ma io chi sono” rimette a tema me/noi e non la voglia di sistemare la vita delle persone. Non gay, etero o trans. Delle persone, tutte. Amen!

Pesce mandarino