Crea sito

Ultima svolta nella campagna Presidenziale americana?

Venerdì prima di chiudere per il week end arriva l’ultima puntata della cruenta campagna elettorale americana. L’FBI riapre il caso Clinton sulle emails. E così dopo lo scandalo emails1 (contro Clinton) e lo scandalo tasse non pagate (contro Trump), dopo i Wikileaks sulla fondazione (contro Clinton) e i nastri sul sesso (contro Trump), dopo una guerra a Mosul e un misterioso attacco hacker nella East Coast, ecco che arriviamo alla puntata emails2, ancora contro Clinton.

Gli scandali fanno appello all’anima puritana del Paese. Per noi che i politici mentano, che siano variamente corrotti, che siano inaccurati con qualsiasi cosa – anche segreti di Stato – come chiunque e peggio di chiunque è l’assunzione di base. Anche gli americani lo sanno, ma continuano a scandalizzarsi. Il seme calvinista è ancora forte.

Quanto ai risultati, avevamo detto su La Spigola che Trump doveva scendere sotto i tre punti di distacco da Clinton che è in testa. Era già in recupero. Secondo le nostre fonti (Realclearpolitics average) era a 4,4 venerdì pomeriggio e 3,4 lunedì 31/10 al mattino. Vedremo nei prossimi giorni, ma penso che a questo punto le chance di vittoria siano tornate almeno pari.

Ma la vera questione è: l’FBI che riapre il caso email a 11 giorni dalla fine della corsa sa di cambiar le sorti di un Paese. Perché lo fa? 1) pura coincidenza, normale evoluzione dei casi giudiziari; 2) il capo dell’FBI che tre mesi fa ha chiuso il caso sa che le vicende sono troppo gravi e ha avuto un sussulto di coscienza; 3) i repubblicani vogliono riaprire la partita e hanno condizionato le scelte dell’FBI; 4) nonostante quanto detto dai media (tutti con Clinton) Trump era invece invincibilmente in testa, nonostante tutto, e occorreva ora inventare una buona storia per spiegare come mai vinca senza dover dire che “the system is rigged” (il sistema è corrotto).

Sono in ordine crescente di dietrologia. Ciascuno scelga la sua preferita. Io spero che sia la 1) o la 2), temo la 3), tremo all’idea della 4).

Torpedine

Una risposta a “Ultima svolta nella campagna Presidenziale americana?”

I commenti sono chiusi.