Crea sito

KEEP LOOKING AT THE SKY!

Si dice che oggi non ci sono più ideali per cui lottare, che il mondo è “liquido”, che ognuno guarda solo ai propri interessi.
Ciò che è assoluto appare spesso pericoloso, violento, superato.
Esilaranti e acute sono a questo proposito le rappresentazioni di Crozza su Matteo Renzi e sui rapporti destra/sinistra.
Difficile far politica così. Difficile, in realtà, anche vivere. Perché le persone hanno bisogno di ideali, come dimostrano tragicamente i sempre più numerosi “foreign fighters” che partono dalle nostre città per abbracciare la proposta (apparentemente totale) del Grande Califfato.
Con tutto il rispetto per il dramma vissuto, sbaglia Charlie Hebdo a mettere in copertina un Dio armato, così uniformando tutto in una cinica ironia.
Invece, dal lavoro alla politica, dalla scuola alla famiglia, richiamare gli ideali per cui ci si muove è fondamentale per una vera libertà di azione e costruzione, punto di partenza per ogni confronto, incontro, integrazione.
Giocare terra terra non funziona.
Lo sapeva bene Alcide De Gasperi quando ricordava ai suoi colleghi parlamentari che “i giovani vedono solo un ideale che accendiamo davanti ai loro occhi, e se noi non teniamo alta questa fiaccola, non spegniamo solo quella fiamma ma tante altre speranze, e accendiamo quelle altre di cui oggi ci si lagna di vederne appena l’inizio e che possono trasformarsi in un incendio fatale”.
Questo vale persino da un punto di vista giuridico-economico: un intelligente studio della prima metà del ‘900 evidenziava come, senza un costante richiamo alle “definizioni favorevoli al rispetto delle norme”, si corra il rischio di uno slittamento collettivo verso soluzioni più facili e illecite, di cui non è più nemmeno percepito il disvalore (è la “teoria dell’associazione differenziale” del sociologo Edwin H. Sutherland). Basti pensare alla corruzione e all’evasione che oggi vengono indicate come i più grandi nemici dell’economia nazionale.
Per dirla in stile hollywoodiano, attraverso un avvincente film di fantascienza: “We used to look up at the sky and wonder at our place in the stars. Now we just look down and worry about our place in the dirt.” (Interstellar).

Sirenetta