Crea sito

La tragedia finale di Trump. Un tentativo di giudizio

La tragedia finale di Trump. Un tentativo di giudizio
Rivoltoso US Capitol 6 gennaio 2021 from YouTube

La farsa chiusa in tragedia dell’assalto al Campidoglio – ci sono 4 morti – è certamente responsabilità di Trump, che ha incitato la folla a impedire l’elezione ormai scontata di Biden.

Dal punto di vista cattolico di questo blog, il criterio di giudizio è sempre la possibilità per la comunità cristiana di vivere e, di sicuro, nel caos non si vive. Come diceva Cyril Martindale, a priori nessun sistema rende impossibile la vita della Chiesa eccetto l’anarchia. Per questo, i fatti di Washington D.C. sono inescusabili.

La triste tragedia di ieri e le colpe di Trump e dei suoi supporter più ideologici, invece, non cambiano né i giudizi sul mandato di Trump, con le sue luci e ombre, né migliora purtroppo le politiche promesse dai dem.

Sempre con lo stesso criterio della libertas ecclesiae, rimangono tremendi sia la cultura bio-etica, con in testa un uso spregiudicato dell’aborto che costa già centinaia di migliaia di vite all’anno, sia la cancel culture che è ormai ovunque e che decide il pensiero unico d’occidente, nel quale ormai il cristianesimo fa parte dei problemi da risolvere.

Speriamo che la tragedia di ieri porti tutti a cercare di fare la politica e di valutarla in base ai fatti e non alle ideologie, che sono brutte e pericolose sempre, a destra e a sinistra.

Torpedine

Una risposta a “La tragedia finale di Trump. Un tentativo di giudizio”

  1. Ciao, quello che è accaduto l’altro giorno a
    Capitol Hill va condannato senza se e senza ma,
    Purtroppo è il frutto di una spaccatura nel Paese alimentata da Trump in qs anni
    Ci sarà modo poi di discutere dei 4 anni di politica Trumpiana o di quanto “ cattivo” possa essere Biden, ma ora è tempo che Trump si faccia da parte.
    Oggi con la comunità abbiamo detto un Rosario
    Mai come ora gli States hanno bisogno di cercare protezione sotto il manto di Maria
    Ciao

I commenti sono chiusi.